Archeologia dell’Ingrediente, Cibo
Leave a comment

Salmone / Salmonidae

Il nome Salmone è generico e racchiude le diverse specie ittiche della famiglia Salmonidae. Pesce di mare, quello dell’Oceano Atlantico è normalmente ….di allevamento nei mari del Nord Europa come in Norvegia o in Irlanda. Il salmone, non è presente nel mediterraneo. Mentre il salmone dell’Oceano Pacifico nuota liberamente nei mari degli Stati Uniti, dell’Alaska, della Russia e del Canada e viene ancora pescato senza allevarlo e allora ha acquisito la definizione di salmone “selvaggio”.

        “in più selvaggio Loco mi trovo e ’n più deserto lido,  Tanto più bella il mio pensier l’adombra” (Petrarca).

Il luogo immaginarlo “selvaggio”, è per il poeta l’energia per immaginare la “bellezza” nei suoi pensieri; il salmone rosso è libero nelle acque dell’Oceano Pacifico e in particolare nel mare dell’Alaska. Le tribù native dell’America del Nord basavano il loro sostentamento dalla pesca del salmone; sono i Tlingit e veneravano i salmoni oltre a pescarli, come un popolo sacro che abitava gli oceani e durante il periodo di pesca dimostravano il loro rispetto verso il salmone con cantici preghiere e cerimonie. L’origine del nome di questa popolazione è, “uomini della marea”, una società matriarcale presente nella  foresta pluviale temperata del Sud-est dell’Alaska e nell’Arcipelago Alexander chiamato così da Aleksandr Baranov.

Arcipelago Alexander

Tlingit erano tradizionalmente animisti e cacciatori, ritualmente si purificarono prima della caccia di animali, la caccia era quello che serviva solo per il loro sostentamento e non altro nel rispetto della natura. Oggi, alcuni giovani Tlingit, guardano indietro verso le loro religioni tradizionali tribali per avere una visione del mondo che possa ancora dare ispirazione, sicurezza, e un senso d’identità.

Tlingit, 1887

La pesca la compiono, nel periodo della tarda primavera e inizio estate,

La cucina di questo popolo ci dice che “Quando la marea si abbassa è ora di apparecchiare la tavola”. Lasciamoci  trascinare dalla marea e dal fluire dell’acqua per sentire che gli animali che vi vivono seguono un ciclo a cui apparteniamo anche noi umani  e cerchiamo di rispettarlo, di non sfruttarlo per la nostra ingordigia perché l’ antropocentrismo vuole avvalorare solo la civiltà globalizzata contemporanea in cui viviamo attualmente.

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *