All posts tagged: Fotografia

Nella Fotografia l’aspetto biografico è presente anche dopo uno scatto fatto e visto dopo, perché come dice Barthes quell’evento già non esiste più. L’osservazione attenta dei dettagli confluisce nel percorso bibliografico e la disponibilità all’attenzione in una situazione di foto-videoterapeutica comporta la volontà di accogliere e sostenere tutta la manifestazione di emozioni ed evocazioni che l’immagine presente nel video e nella foto racchiudono.

alt=Istanbul"

Saf/Bif&st 2019

Per il ‘ Panorama Internazionale’ al Teatro Petruzzelli  per Bif&st 2019, il film Saf del regista Ali Vatansever del 2018.  Il film ha una sceneggiatura molto semplice diretta e nella sua crudezza arriva a toccare le persone come fossero delle pedine di una pièce teatrale, in modo diverso, artefici sono del loro stesso lutto interiore che

The Bra/Bif&st 2019

Per il ‘ Panorama Internazionale’ al Teatro Petruzzelli  per Bif&st 2019, il film ‘The Bra” di Velt Helmer del 2018. Il film è straordinario per la sua scelta di sviluppare una storia unica senza utilizzare i dialoghi e per tutti i 90 minuti non se ne sente minimamente la mancanza anzi si ‘ascolta’ come ogni personaggio riesca a esprimere con tale intensità ed ironia e caparbietà d’animo, la propria parte per tutto il film. Musiche sobrie e in sintonia con i suoni dei paesaggi e degli oggetti che risuonano per tutta la storia. Un fatto casuale porterà a sviluppare una storia singolare, divertente e coraggiosa. Il racconto è costruito attorno al personaggio principale che si muove in un mondo corale di diverse persone che si fronteggiano tra l’essere umani, generosi e aggressivi e pericolosi.   L’autista Nurlan sta andando a Baku per l’ultima volta prima della pensione. Durante il viaggio tra i quartieri della città un reggiseno blu si impiglia nei congegni del treno. Così per sfuggire a quello che sarà il suo cambio di vita …

alt="Paola Ricci"

On line. Esplora

Carolee Schneemann  artista americana, nata nel 1939.  Carolee Schneemann ha studiato pittura a Bard College, Columbia University, e University dell’ Illinois. Nella fase iniziale, ha iniziato impostando i suoi quadri nel “movimento”, utilizzando meccanismi semplici e integrando fotografie e oggetti di uso quotidiano nelle sue Painting Construction. Il lavorare con quest’approccio costruttivo porterà a percorrere gli anni ‘60 in poi, l’idea della “linea pittorica che configura” il corpo, la sua sensualità, come un disegno. Sono le proiezione mentali di corpo-segno, manufatto e azione pittorica che vanno a manifestarsi. La linea risultante dell’azione del corpo non esiste se non si manifesta il corpo stesso così come nell’opera “Up to and Including her Limits” (1973-1976) In un commento su quello che lei ha descritto come “il processo di verniciatura finalizzati al fisico” come in Jackson Pollock, ha segnato le pareti e il pavimento in un involucro di carta coperto, con i pastelli,  lei sollevata e abbassata se stessa e a stretto contatto ad un chirurgo albero, in bilico appena sopra la superficie del disegno. Il lavoro registra le …