All posts tagged: Body Frame

L’individuo se ha perso la consapevolezza di alcuni parti del proprio corpo, vuol dire che ha smarrito l’accesso anche alla loro funzionalità e sono assenti alla sua coscienza. Le fratture del nostro corpo portate durante la vita le riportiamo ad un corpo emotivo che si rappresenta in modo materico e onirico, vissuto istante per istante come avessimo una memoria del corpo interiore con cui non andiamo in contatto.Ritornare a quel contatto perso nella mente ma presente sulla nostra superficie esterna: la pelle.

alt="Samuele Galeotti"

Istante d’Artista/ Samuele Galeotti

Oggi inizio la serie degli istanti d’artista, scatti fotografici di Samuele Galeotti; egli ha svolto una ricerca molto interessate su quello che è il ritratto fotografico, dove le persone del mondo dell’arte, nel senso artistico più ampio possibile, sono riprese in un momento di vita quotidiana o in relazione, al loro lavoro sulla materia che praticano o studiano.

alt="Fazi Editore"

Madonna col cappotto di pelliccia/ Sabahattin Ali. Fazi Editore

Nella collana “Le strade”, Fazi Editore edita “Madonna col cappotto di pelliccia”, (titolo originale “Kürk Mantolu Madonna” del 1943) di Sabahattin Ali e tradotto da Barbara La Rosa Salim. Il romanzo ha un ritmo, nella scrittura e narrazione, veloce e intenso; l’agilità descrittiva porta a leggerlo tutto di un fiato e nello stesso tempo l’energia che sprigiona, ti obbliga a rimanere in movimento su ogni pagina in cui la descrizione dei passaggi, i dialoghi, le affermazioni e le descrizioni minute dei dettagli, sono quei vortici di mescolanze e di bellezza raffinata che è coinvolgente. Il tema dell’amore, in letteratura, è il tema più difficile da trattare per un manoscritto; può sembrare facile descrivere quello che può avvenire tra due persone che si amano, e invece si scatenano svariate forze nascoste che il lettore va a ricercare spesso in molti romanzi che affronta, come fosse un “condimento” imprescindibile nella dimensione amplificata che è la “lettura”. Qui gli amanti, sono realmente consapevoli di quello che stanno vivendo ? Percepiscono cosa comporterà, nel tempo della loro vita, la portata …

alt="Tibet"

Cartoline dal Tibet / L’ultima cartolina.

Per le puntate precedenti andate a cercare “Cartoline dal Tibet”. “Caro amico mio che bello rivederti a Parigi, mi sei veramente mancato tanto. Sai volevo venirti a trovare, anche per stare un giorno solo nel tuo sud e sentire come ti trovi a lavorare con i tuoi nuovi colleghi. Poi non l’ho fatto mai. Mi sono messo in proprio da quando te ne sei andato; però mi mancano le nostre mangiate nei Bistrot più impensabili di questa frenetica città. Dai

alt="Tibet"

Cartoline dal Tibet / L’ispettore Christophe Potier. IV

Per le puntate precedenti andate a cercare “Cartoline dal Tibet”. L’ispettore Christophe Potier era arrivato a Parigi una settimana prima dei fatti da noi narrati per trovare sua sorella. Aveva lasciato il caldo Sud della Francia di Saintes Maries de la Mer per fare un’immersione d’arte, perché: “l’arte è nutrimento per qualsiasi intuizione sul mondo reale”.