Lasciate fiorire i carciofi, Senza categoria
Leave a comment

Storia di pirati II

L’importante per farli vedere che sono tanti è mettere le forme vicine tra loro ma non troppo in modo tale che non si sovrappongano, devo riuscire a distinguere i loro contorni di ciascuna forma, è molto importante la distanza tra un oggetto e l’altro perché questo determina il concetto di moltitudine, anche se cambio la forma o il suo contorno.

Storia di pirati II

 

“Ma come mai ci sono mucche?” disse uno di loro.

“Ma è chiaro siamo in un mare di prato e le mucche mangiano l’erba e loro sono la nostra armata minacciosa che ha bisogno di ruminare l’erba per essere forte e agguerrita” disse con una voce un po’ spaventata uno di loro.

“Ma io non ho mai visto una mucca minacciosa, che fa paura e costituisce un pericolo”. “Si mi è successo che mi sono venute vicino correndo ma non avevano lo sguardo cattivo, erano imponenti ma non mi spaventavano”.

“Allora come devono apparire per essere minacciose?” disse quello che si era mangiato tutti i panini.

Dopo che con la matita abbiamo disegnato le parti più importanti di una mucca, e cioè quegli elementi che la distinguono dagli altri animali come corna e orecchie grandi e le narici larghe, le disegniamo occhi e bocca simili agli umani e la minaccia apparirà nei suoi occhi con un segno della matita che sarà più grosso e frastagliato e più appuntito che morbido.

Storia di pirati II

Poi se non hai mai visto una mucca, perché vivi in città, puoi sempre andare a trovare un contadino che ti presenti la sua mucca Arabella che fa il latte che serve alla mamma per farti il budino o vedere quella mucca nel quadro di Kandinskij che intitolò “Vacca” lo fece nel lontano 1910 e si trova ora a Monaco, non la mucca ma il quadro, alla Stadtische Galerie im Lenbachaus.

“`E una grossa mucca bianca con la pancia rossa e macchie gialle con grosse corna appuntite azzurre con gli occhi gialli, devo dire una mucca cosi allegra non l’avevo mai vista ma posso sempre farla diventare minacciosa ora che ho imparato” disse uno di loro mentre stavano scendendo dal cesto per andarle incontro.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *