Archeologia dell'alimento, Archeologia dell’Ingrediente, Cibo
Leave a comment

Sfere di lapislazzuli

Potrei immaginare i lapislazzuli cadere e ne sentirei il loro rumore come il ticchettio della prima grandine estiva, invece il suono dei mirtilli nella ciotola per essere mondati è soffice come il risveglio tra le lenzuola di primavera quando….. il calore si mescola con il fresco d’inizio giorno.

Non abbiamo una coscienza pura del tempo nel misurarlo, ma riponiamo nel sentimento di questo atto, come se durasse meno giorni dandogli  una emozione che non sarebbe la stessa se fosse numerato. Allora ci lasciamo compiacere della durata o ci facciamo sopraffare da essa e nello stesso tempo lo scivolare di questi frutti colorati rimane a volte inspiegabile. Li rappresentiamo nei nostri ricordi di colore diversi che vanno dal blu intenso al viola arrossato, ma tutte le sue sfumature diventano lo stupore; quando li si scorgono in controluce, inclinando il viso, volto nel sottobosco, quelle piccole radure o sforature tra un albero e l’altro diventano iridescenti.

Martin Geier© Photo

Martin Geier© Photo

Paola Ricci© Photo

Paola Ricci© Photo

La mano viene posta sotto le piccole foglie che li proteggono di color mela verde e appaiono come un fitto mantello leggero. Spontanea  il mirtillo cresce nel sottobosco, nelle regioni montane e  tre colori  gli sono attribuiti: nero, blu e rosso.

Se li vediamo in questa sequenza, allora vediamo manifestarsi il giorno che dall’oscurità del cielo incomincia a rosseggiare, al contrario invece andiamo verso l’imbrunire e il riposo degli occhi che però avrà un’acquiescenza di fiere in libertà.

La varietà rossa è definita anche “uva di monte”. I mirtilli si raccolgo tra luglio e agosto quando l’estate si manifesta e rimangono riparati dall’afa crescendo nel sottobosco.

 

Paola Ricci© Photo

Paola Ricci© Photo

Paola Ricci© Photo

Paola Ricci© Photo

Il gusto varia nelle tre varietà, mantenendo la tipicità di essere “delicati” e nel palato si compie questa leggerezza, più dolce nei tipi scuri e più acidulo in quelli rossi. Il gusto di questo frutto si “accoppia” con molti altri sapori, quando sono freschi con lo zucchero e il limone o accompagnati con yogurt, gelato o panna montata e si possono preparare anche delle salse o confetture esaltando il gusto della carne.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *