Arte, Arte & Opere, Biennale 2019
Leave a comment

Padiglione Gran Bretagna / Biennale di Venezia 2019

alt="BiennaleArte2019"

Siamo ai Giardini di Venezia e il Padiglione della Gran Bretagna per la 58. Esposizione Arte della Biennale di Venezia, presenta  l’artista Cathy Wilkes,

l’allestimento non riesce a separare la luce che si diffonde nell’edificio con la presenza delle sculture e delle pitture che dialogano tra loro, l’atmosfera è totalmente un unico passaggio tra opere e spazio vuoto.

La Luce naturale è quello che rende vivo gli elementi che appaiono esposti in un contesto archeologico che li ammanta di una dimensione di morte latente e sublimata da un desiderio che  gli oggetti si animano come ricorsi fluttuanti della mente nelle stanze.

La forma sepolcrale che appare ampia e centrale nella sala d’entrata è circondata di oggetti disposti in modo circolare e apparentemente casuale come se l’abbondono fosse stato il casuale cadere a terra per essere raccolti e deposti nuovamente in altri punti non stabiliti.

alt="BiennaleArte2019
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo
alt="BiennaleArte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo

I dipinti appaiono reliquie di polverosi colori spalmati su tele piccole e immaginando che quei microcosmi siano delle spaziature di paesaggi inesistenti, ma onirici per la mente umana.

Wilkes fa appello, in maniera profondamente toccante, coinvolgente e solenne, al nostro coraggio di respingere l’idea che la conoscenza sia qualcosa che possiamo sempre possedere.

Cathy Wilkes (Belfast, 1966) presenta a Venezia i suoi lavori, che comprendono installazioni scultoree, assemblaggi di oggetti, dipinti e stampe che si avvicendano da una sala all’altra. Considerata tra gli artisti più influenti, attualmente attivi in Gran Bretagna, Cathy Wilkes nel 2016 ha ricevuto il Maria Lassnig Prize e nel 2017 ha presentato una grande retrospettiva al MoMA PS1 di New York. 

alt="BiennaleArte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo
alt="BiennaleArte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo

“Siamo entusiasti di presentare un lavoro completamente nuovo di lavoro di Cathy Wilkes”,dichiara Zoe Whitley, curatrice della Tate Modern cui è stata affidata la curatela del Padiglione britannico alla Biennale di Venezia 2019. “La sua inventiva, la sua curiosità e il suo modo di pensare unico hanno prodotto qualcosa di tanto ambizioso quanto affascinante. Wilkes crea spazi per farci provare il pieno potenziale emotivo dei suoi materiali e ci invita a condividere la sua inconfondibile estetica”.

Quello che scorre nelle sale è il susseguirsi di pezzi frammentati ed inglobati in corpi che non sono manichini, ma essenze umane scavate nella materia come se la loro staticità fosse la conseguenza di atti sconosciuti al visitatore che ne hanno modificato la loro corporalità e la loro possibilità di interagire col vivente.

alt="BiennaleArte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo
alt="Biennale Arte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo

Vivere e morire si spalma insieme senza definire il confine reale, ma come obbligo di scelta come impossibile divisione tra i due eventi. Silenzio, passi e luce sono la densa miscela che avvolge i quadri che hanno semplicemente la forza di catturare e risucchiare lo sguardo del visitatore in paesaggi lunari o di pianeti lontani.

Le distanze tra gli oggetti sono misurate come passi di meditazione e come vuoti riempiti dai respiri dello spettatore.

alt="BiennaleArte2019"
Padiglione Gran Bretagna, Cathy Wilkes, 58.Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, May You Live In Interesting Times, Paola Ricci©Photo

Nulla di quello che è posto in quel luogo potrà mutare il pensiero di un umano che entra ed esce, ma quello che avviene è la scelta del dubbio se ciò che sto guardando sia la realtà solidificata nel passato o sia il futuro di quello che potrai vedere in un nuovo spazio dell’ esistenza.

#BiennaleArte2019 #MayYouLiveInInterestingTimes

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *