Arte, Arte & Opere, Biennale 2019
Leave a comment

Maria Lai (1919-2013) / Legarsi alla montagna.

alt="BiennaleArte2017"

Quando la malattia ti pone in un isolamento quello che l’arte fa è di rompere questo spazio per renderlo comunicante?

L’artista italiana Maria Lai è presente, con i suoi lavori, nel Padiglione dello Spazio Comune all’Arsenale per la mostra VIVA ARTE VIVA della Biennale di Venezia 2017.

Il suo spazio comune è quello di essere stata un’artista radicata alla sua terra e alla sua comunità come un’espressione in carne ed ossa di uno studio vivente di antropologia culturale. Il filo conduttore è per lei la materia stessa della linea del filo che in diverse misure, dal nastro al tessuto, al filo stesso del ricamo, si assottiglia, ma non si spezza, si accanisce di stare ancorato all’unione tra le diverse materie per unirle come tessuto connettivo di un vivere le cose semplici come terrene, ma anche oniriche e ancestrali tali che il cordone ombelicale si recide, ma non mentalmente.

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

 

Nel cuore della Sardegna e in particolare nel paese di Ulassai dove è nata, invitava gli abitanti a far scorrere questo filo che sembrava infinito e di un colore azzurro come una porzione del cielo. Il nastro portato in terra e srotolato per gioco è passione per la gente, che circondava le strade e le piazze. “Legarsi alla montagna” diventa la metafora dell’ancorarsi, ma anche nello stesso tempo definire uno spazio comunitario, la montagna diventa l’ancestrale desiderio di auto  proteggendosi nel legame.

 

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

 

Il legame può essere il cibo per la sopravvivenza oppure è una conoscenza nutritiva?

Cibo, conoscenza e legame sembrano inanellati tra loro nel lavoro del 2008 intitolato “Enciclopedia del pane”; il piacere di manipolare una materia morbida e duttile come l’impasto del pane che una volta cotto s’indurisce è la creatività di scoprire come la funzionalità estetica diventa “gioco” e cibo. Il legame è sempre quello della terra e della cultura del popolo nelle tradizioni.

 

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

 

Ricordo cosa mi disse Maria Lai, a proposito dell’artista: “L’artista è una persona che scende in miniera e lì si mette a scavare, ma non sa cosa troverà stando in miniera; non può fare a meno di scavare e continuare a scavare anche se pensa di aver trovato qualcosa, l’artista rimane in miniera”.

#BiennaleArte2017 #VivaArteViva

 

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

alt="BiennaleArte2017"

Maria Lai.Padiglione dello Spazio Comune 57.Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA ,
Paola Ricci©Photo

 

 

Facebook Comments
Filed under: Arte, Arte & Opere, Biennale 2019

by

"lasciate nel sole questo brillare di stelle, come libere parole donate la luce, accompagnatele dove loro vogliono andare / let the dazzling stars shine, like words, to accompany them wherever they choose to go"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *