Arte, Arte & Opere
Leave a comment

La pelle scultorea / Franz West (1947-2012)

Quando ci avviciniamo a questa pelle creata, quello che sembra di vedere sono i pori aprirsi e tutto è ingigantito e quello che riesci a vedere è solo materia che si distende su una struttura nascosta che la tiene sospesa.

L’espressione non c’è ?

La maschera è quella del momento che ci fissa nello sguardo, appare come la possibilità di essere altro. L’oggetto del viso  non è altro che stare dentro a quelle facce, sospese dal pavimento e talmente immense che un corpo ci si può rannicchiare dentro.

 

Paola Ricci©Photo

Paola Ricci©Photo

L’arte di West non è altro che azione su azione, di costruire e di agire sulla costruzione effettuata; sono concettuali le sue sculture, perché ti permettono di rilevare l’essenza della forma come tramite di un pensiero che si manifesta e il colore ne demarca la distanza e il confine nello spazio circostante.

Se poi si prendesse la stessa forma e la dipingessimo in due dimensioni, non sarebbe niente e non sarebbe neanche pittura, per Franz West “ tutto è sempre dipinto”, tutto è dipinto perché se ne trae la sua tridimensionalità.

 

Paola Ricci ©Photo

Paola Ricci ©Photo

Se sono vuote tali teste, cosa si racchiude nel capo umano? Il sogno è il non svelato, è il contenuto di queste grade teste in cui ti può aggirare attorno e ne tocchi la superficie come fosse vista al microscopio. Sono i risvegli dopo notti oscure, dove il bianco accecante bilancia l’incubo che si protratto nel tempo. Immaginazione e vera distribuzione delle teste nello spazio tali che l’incubo possa poi essere solo la scenografia di evento momentaneo che auto si esclude nel suo chiassoso bianco. Quelle di West sono le sculture “adattabili” che non si relazione col magnificare dell’esposizione, ma con la contestualizzazione del precario, dell’assurdo e del “giocoso” quando tutto diventa insostenibile.

 

Paola Ricci©Photo

Paola Ricci©Photo

Facebook Comments
Filed under: Arte, Arte & Opere

by

"lasciate nel sole questo brillare di stelle, come libere parole donate la luce, accompagnatele dove loro vogliono andare / let the dazzling stars shine, like words, to accompany them wherever they choose to go"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *