Arte, Arte & Opere
Leave a comment

Joaquin Sorolla ( 1863-1923) / Andalusia pennellata

L’Andalusia regione calda e misteriosa dove i colori si mescolano nelle moschee e nei palazzi moreschi nel luccichio del mare della Costa de la Luz o le ombre arrosate…. delle montagne della Sierra Nevada con i suoi parchi dove si perde il cielo spolverando la mimosa primaverile tra i rami degli alberi.

Il piacere di dipingere  di Sorolla si muove sulla tela e le pennellate si distendano, sono come liquidi di sapore di profumi di terra, di acqua, di salsedine e di pelle riscaldata dal sole. Sono pennellate dove le tinte non si sovrappongono come materia, volume e spessore, ma sono piane lisce come la spiaggia bagnata dal mare.

Joaquín Sorolla Bagno del cavallo

Questo è nella pelle della natura, il rimane risuonata come una tavolozza leggera, dove le pennellate si muovono distese sulla tela, non cercano di dare spessore tra le tinte ma si rincorrono i colori come fossero colori mescolati nell’aria. Pennellate dense ed energetiche che formano larghe superficie intense e sintetiche che l’occhio riesce a toccarle e insinuarsi in quelle forme.

Joaquín Sorolla, Passeggiata sulla spiaggia 1909

La pittura di Joaquin non è inganno, ma è il movimento sui quei luoghi percorsi e vissuti come se stanziasse dentro di loro, li attraversava con le sue tele dove la rappresentazione è vita di sensi che senti nelle orecchie di quel vento sulla spiaggia o lo sciabordio dell’acqua attorno alle zampe del cavallo e del bambino. Le dame si fanno volteggiare dall’aria che colora le loro vesti candide di turchesi azzurrati come umidità di salso sulle loro vesti. Il velo non sfuggirà sulle onde del mare perché lei con leggerezza trattiene l’aria che lo vorrebbe portare via nel cielo di quel sole caldo Andaluso.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *