Scrittura, Viaggi
Leave a comment

Genova / Les années de pèlerinage

alt="Genova"

6 Sunt Lacrymae rerum

Giungevano dal fondo, dal più profondo senso di vuoto,

come rigurgiti di vecchie passioni abbandonate

della gioia tu non conoscevi risposta,

che senso di tristezza rischiarava il fondo del buio

che era più buio del pugno chiuso.

Pesante ricadeva sul muro duro e stolto

il peso della tua rabbia disadorna.

Densa e ribatti con forza

che il vuoto solo adesso lo distende

come un panno sporco sul letto disadorno.

Sul letto vuoto spegnevi delle lacrime silenziose

che echeggiavano solo nelle orecchie bagnate

che come ampolle contenevano i sogni

che sfiorivano velocemente come nel macinino del caffè

che ruotava al mattino senza posa.

Girava la mano, girava la manovella,

senza tregua come una locomotiva vecchia e infuocata

che arriva alla stazione senza la noia di ieri.

Facebook Comments
Filed under: Scrittura, Viaggi

by

"lasciate nel sole questo brillare di stelle, come libere parole donate la luce, accompagnatele dove loro vogliono andare / let the dazzling stars shine, like words, to accompany them wherever they choose to go"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *