Archeologia dell’Ingrediente, Cibo
Leave a comment

Di rubino asprigno il frutto

Il sapore che si nasconde in quel morbido e vellutato lampone è l’asprigno che inaspettato si espande in bocca appena i denti lo aprono nel palato. Il rubino è il colore che assume schiarendosi alla ….luce cangiante del sottobosco; sembra che racchiuda dolcezze di calore invece l’inaspettato acidulo sapore rinfresca la bocca come l’acqua forte del torrente.

Tenerlo poi tra le dita sembra fragile e duttile insieme scivola sulla pelle lasciando un profumo delicato. Le sue proprietà sono infinite è come se potesse toccare tante parti del corpo e darle nutrimento; la gola, gli occhi, la pelle, il cuore, le unghie i capelli come se fosse capace di viaggiare nel corpo e lasciare le sue proprietà in giro donandosi a tutto.

Il medico Discoride, vissuto in Grecia nel I secolo d.C., cita il lampone (Rubus Idaeus), nella sua opera De Materia Medica, descrive la pianta   che cresce sul monte Ida in Asia da cui prese poi il nome la specie, Idaeus appunto.

 

Rubus, 1801

 

Se si ha la possibilità di raccogliere i lamponi è meglio farlo nelle prime ore del mattino in quanto in quel momento della giornata sono più dolci e soprattutto si conservano più a lungo. È molto importante raccoglierli quando sono maturi, perché una volta raccolti, non maturano più.

Lo si trova nei boschi nelle zone montane,  fino a 1500 metri, eppure il doverlo raccogliere, in posti anche impervi, non ha impedito di dire che fosse il cibo che Afrodite amava mangiare, ma l’essere versatile nella cucina lo rende un cibo forse afrodisiaco, perché è la possibilità di assaporare gusti diversi, scegliendo lui,  che lo si può “coniare”,  come frutto dell’amore.

 

Martin Geier © Photo

Martin Geier © Photo

I sentimenti amorosi si mescolano con più sapori diversi, come il lampone può unirsi allo zucchero e all’aceto o ai liquori, poi alle insalate come ai dolci e alla carne, nelle gelatine e nelle confetture fino a racchiudersi nel cioccolato.

Racchiudersi anche nelle parole può avvenire per  questo frutto; Lord Byron riesce a scrivere di politica e di poesia con una tale sensualità melanconica, affascinando la mente occidentale e incarnando il Romanticismo. Questo verso  in inglese, è solo un piccolo assaggio,  in cui i sapori del cibo non sono solo sul palato, ma si annidano anche  altrove.

 

Paola Ricci© Photo

Paola Ricci© Photo

“I find it in my inner space, this little piece of not-me this nonhuman thing, this cold raspberry- flavoured centre of the chocolate of melancholia- the chocolate, in the others words, of wounds all over me that make up me” Lord Byron

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *