Arte, Arte & Opere, Biennale 2019
Leave a comment

David Medalla (1942-)/ Biennale Arte 2017

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, artista filippino che vive a Londra, ha partecipato alla Biennale Arte 2017, con un lavoro in cui la scultura diventa una forma sociale di coinvolgimento del pubblico.

Intitolato “A Stitch in Time” 1968-2017, realizzato con tessuto, filo di cotone, spilli e aghi, racchiusi in una forma che assumeva la leggiadria di una culla o di una tenda come potesse svolgere le due forme contraddittorie di una interlocuzione tra artista e pubblico.

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, A Stitch in Time, Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA, Paola Ricci ©Photo

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, A Stitch in Time, Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA, Paola Ricci ©Photo

 

La poesia con cui lui unisce il colore e la forma che ne manipola nelle possibili forme di costruzione, determina un lavoro minimalista e cinetico che lascia sospeso quello che si vuole fare veleggiare a colui che si avvicina con curiosità, ma anche con sobrio desiderio di toccare l’opera. Negli anni sessanta le sue performance sono state introdotte a Parigi da autori come Gaston Bachelard e Louis Aragon. Stitch in Time, rappresenta un lavoro che è iniziato nel tempo e precisamente negli anni ’68 ed è itinerante. E’ basato sulla convinzione che l’interazione del pubblico nell’opera rilascia quello che l’opera è nell’essenza ma è soprattutto un divenire.

 

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, A Stitch in Time, Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA, Paola Ricci ©Photo

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, A Stitch in Time, Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA, Paola Ricci ©Photo

Il ricamo delle persone che si approcciano al lavoro con la presenza dell’artista, diventa una simbiosi emotiva come un comunicare per vasi trasparenti tra lui, l’opera e l’altro che è una sorpresa per l’artista e per l’opera stessa. I tessuti a loro volta provengo da diverse parti del mondo, diventando un archivio di testimonianze tattili toccate nel tempo. Il realizzare l’opera nello spazio dell’Arsenale durante l’apertura della Biennale Arte 2017 esprimeva la volontà che il tempo artistico si può dilatare lo si può con la volontà sociale prolungare portare avanti se il principio è fonte di credenza ed appartenenza come qualcosa che hai generato e cresce nel tempo.

 

alt="BiennaleArte2017"

David Medalla, A Stitch in Time, Esposizione Internazionale VIVA ARTE VIVA, Paola Ricci ©Photo

#BiennaleArte2017 #VivaArteViva

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *