Cibo, Fotografia, Ricetta dello Chef, Viaggi
Leave a comment

Come fresco prezzemolo

La pesca era iniziata al largo delle coste dell’Oceano Pacifico dell’Alaska nel Mare di Bering, la grande baia di Bristol, lei aveva lasciato la costa occidentale in quell’agosto per stare sulla nave che l’avrebbe sospesa in quel fluttuare delle acque; le permetteva di scappare dai silenzi dove solo i cercatori d’oro si accalcavano con le loro mute di cani da slitta attraversando l’Alaska. Lì le acque sono poco profonde, il che rende difficile la navigazione per le navi di grande stazza……

Quello che aveva cercato montando sulla barca era di riprendersi la sua veste vellutata di colere blu nero intenso che la rendeva trasparente quando camminava in mezzo alla gente la popolazione di quelle terre così limpide e cristalline erano più silenziose del suo passo vellutato sul muschio rigonfio della primavera finita e del tiepido e fresco calore del sole che lei normalmente vedeva poco vagando preferibilmente nelle notti stellate di quei cieli liberi. Proprio dallo stretto di Bering la popolazione era arrivata su questa terra che il suo nome risale dal significato di “terra ferma” e ora alla fine ’800 fu la scoperta quella pietra “illuminante” di colore giallo che era l’oro; portò all’arrivo di molta gente e anche del suo amico scrittore Jack. Lui veniva dalla calda terra della California, aveva fatto di tutto nella sua vita movimentata come un uomo sempre senza pace, da strillone a cacciatore di foche e lavandaio fino ad arrivare a scrivere. Lei era volata con un balzo unico sulla nave con il suo mantello di pantera notturna e aveva lasciato un foglio nella sua cucina quando lui stava ancora dormendo, era il foglio di saluto di amore ma forse di un arrivederci forse di solo della preparazione di qualcosa che lui poteva ricordare di lei. Il salmone che andava a catturare nelle battute che nel mese di agosto si affollavano nei fiumi che poi si rilasciavano nel mare, era rimasto nella ghiacciaia bastava solo che lui lo preparasse come lei aveva lasciato scritto.

Prenderlo rigirarlo nelle croste del pane fermo di alcuni giorni, intanto sulla padella avrebbe dovuto metter il pomodoro che lei aveva portato dall’America del Sud era il suo dono che portava la sua presenza il suo sapore solare anche se si spostava di notte quello sembra il suo cuore rosso e pulsante di semi liquidi. Altro dono speciale era lo Scalogno,era andata nelle terre dell’Asia centrale e l’aveva colto allo stato selvaggio e poi risalendo per le zone mediterranee aveva portato con se il prezzemolo. I suoi colori erano cosi il rosso il verde e il bianco ambrato e come cromie di sapori le aveva lasciate sul tavolo .

Non poteva che solo partire lasciando scritto che ciò che avrebbe messo sul fuoco per riscaldarsi fino ad ombreggiarsi di dolce e croccante superficie; era il suo cuore le sue passeggiate tra terre di spezie e poi fare volare sul salmone quella verde erba profumata che era il suo riposo trai boschi.

Lei ormai era diretta verso l’altra baia quella di Cook e non sapeva ancora se si sarebbero riviste lei dal passo di pantera e Jack che non si era ancora svegliato.

Baia di Bering

 

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *