Scrittura, Viaggi
Leave a comment

Cartoline dal Tibet / Incominciano i dubbi II

alt="Tibet"

Per le puntate precedenti andate a cercare “Cartoline dal Tibet”.

…. Voleva cambiare vita, aveva lasciato tutta la sua famiglia originaria in Cile. François Belle conosceva Felicita Bogherra come collega di lavoro da circa due anni e facevano coppia fissa per realizzare i servizi giornalistici più interessanti, che l’agenzia aveva pubblicato negli ultimi anni. Riuscivano a raggiungere luoghi unici non per la distanza, ma per gli aspetti più sconosciuti anche per il più accanito lettore di riviste di viaggio.

La seconda cartolina dal Tibet arrivò giusto una settimana dopo la prima; nel palazzo mancavano sia il signore François Belle che il signore François Bullet. La portinaia però questo non lo sapeva per certo; lei era una persona che non amava controllare continuamente le persone che entravano e uscivano. Questo poteva sembrare un problema, visto il suo ruolo e il lavoro da svolgere, eppure i condomini non si erano mai lamentati di questo, forse perché non era ancora accaduto niente di grave. Quando passava una persona e la vedeva solo di spalle, le piaceva indovinare da come era vestita e dalla camminata che aveva, e da lì si convinceva chi fosse tizio, invece di caio.

La seconda cartolina era nelle mani di Giselle e un leggero dubbio questa volta sul destinatario le passo nelle mente, vide che era sempre firmato il messaggio con le iniziali FB. Decise questa volta di verificare se il destinatario era François Belle e salì le scale per andare di persona alla porta del suo condomino. Bussò alla porta di François Belle e della sua compagna Celine e alla porta apparve proprio Celine, con in mano la sua tazze di caffè.

 

alt="Tibet"

Tibet , Arnie Hung ©photo

“ Ciao cara Celine, scusa se ti disturbo questa mattina, forse stavi ancora riposando ? Ma ho un dubbio su questa cartolina che è arrivata. Mi sono permessa di vedere la provenienza, sai che sono curiosa per i francobolli che vengono dall’estero. Anche questa cartolina sembra che venga dal Tibet e il mittente sembrerebbe il tuo François, ma questa volta ho un dubbio sulla calligrafia, non vorrei che fosse indirizzata al signore François Bullet della scala B, che so che viaggia , ma non quanto il tuo François.

Che dici è indirizzata a François Belle ?”.

Mentre Giselle le stava chiedendo tutto ciò, Celine incominciò a corrucciare la fronte mescolando sul suo viso un sorriso un po’ stentato per non fare trapelare la sua rabbia interiore dell’arrivo di una seconda cartolina dalla sua convinta nemica Felicita Bogherra.

La prese in mano e velocemente vedendo ancora che il testo concludeva con “ I love you FB.” Rispose velocemente a Giselle: “ Grazie Giselle ma credo che sia proprio del mio François, lui è andato in Tibet l’anno scorso, ora è nuovamente in viaggio in quelle terre”.

 

alt="Tibet"

Tibet , Arnie Hung ©photo

Invece Celine non sapeva proprio nulla, di dove fosse andato questa volta François; nel messaggio lasciato in segreteria dall’aeroporto, aveva parlato del suo volo, ma non si comprendeva bene la località, vi era il suono di sottofondo degli annunci dagli altoparlanti che confondevano la comprensione. Il nastro era stato analizzato dall’investigatore Pascal, ma non era riuscito a capire neanche lui la località del volo.

Pascal comunque ipotizzava che le “paranoie” di Celine non avessero nessun fondamento; lavorava per questa cliente con una certa leggerezza senza far trapelare nulla, alimentando un po’ le convinzioni di Celine e mostrando le foto di François con la sua collega Felicita Bogherra in situazioni “molto amichevoli”, ma senza portare prove di una conclamata relazione……..

CONTINUA

 

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *