Biennale 2019
Leave a comment

Australia/Grasslands Repair. Biennale Architettura 2018

alt="BiennaleArchitettura2018"

Quando occorre riparare un contesto architettonico che si presenta apparentemente auto determinato? 

La materia in cui  un progetto architettonico assume collocazione è sulla terra o nell’acqua o nell’aria, sono le tre situazioni in cui si manifesta.

Repair: “restore ( something damaged, faulty, or worn) to a good condition” Dal Dizionario Inglese di Oxford.

Quello che appare entrando nello “spoglio” Padiglione dell’Australia è se è necessario la presenza dell’architettura, e se l’azione dell’uomo sul suolo naturale sia proprio qualcosa che ha una sua “evidenza”. La scelta dei curatori del Padiglione Australia appare come  “smacco” dove il progetto vuole trasmettere agli spettatori un vuoto indicativo.

 

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

 

Baracco+Wright Architects propongono qualcosa di emozionante in collaborazione con Linda Tegg, artista, in questa Biennale di Architettura 2018; le collaborazioni che si sono manifestate  tra gli architetti e gli artisti, in questa Biennale, esprimono come la separazione tra i due campi si è assottigliata e a volte annullata nel tentativo che una disciplina “assapori” altre convinzioni e altri approcci.

Decadendo così automaticamente quello che si sosteneva che l’architetto non è artista e l’artista non è architetto? Quello che traspare è che occorre sempre più che l’artista dialoghi con delle discipline che sono funzionali a un prodotto elaborato, però mantenendo integro il suo approccio di  costruzioni mentali di  libero arbitrio.

 

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura –
La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

 

Grasslands Repair presenta oltre sessanta specie provenienti dal Victorian Western Plains Grasslands, presenti in una regione dell’Australia, dove oltre diecimila di queste specie sono disposti all’interno e all’esterno del Padiglione dell’Australia Biennale Architettura 2018; con l’obiettivo di mostrare ciò che è in gioco quando si occupa il suolo del terreno. Il solo calpestare la terra è dettato da un’azione non costruttiva o riparatrice, ma invasiva.

Solo l’1% di questa comunità vegetale rimane dai tempi degli insediamenti pre-europei, essendo stata rimossa attraverso l’urbanizzazione, l’agricoltura, il pascolo e l’uso industriale dei terreni, tutte azioni compiute dall’uomo nel momento stesso che colonizza uno spazio.

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura –
La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura –
La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

La colonizzazione in Australia ha significato soprattutto togliere terra a chi era già presente su quella terra; l’uomo già esisteva e le diverse popolazioni di aborigeni hanno perso la loro terrà, ma non hanno perso la “connessione” con la terra che supera ogni barriere. Quello di “ricreare” nel Padiglione dell’Australia un microclima della terra imprime nello spettatore il “rispetto” per la terrà e per la sua riproduzione che significa vita.

Il profumo che si espande per tutto il padiglione è l’incarnazione dello spazio libero e del FREESPACE,  tema  che è stato scelto quest’anno per la Biennale di Architettura, che supera il confine edilizio e lo annulla e diventa una parte richiedente per sentirsi liberi nel muoversi nello spazio.

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura –
La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

Per mantenere in vita le piante è stato creato Skylight, un dispositivo di protezione (apparecchi d’illuminazione LED). Sospeso tra il soffitto soprastante e il prato sottostante, è impegnato in un difficile processo di trasferimento. Convoglia energia dalla rete elettrica italiana – 64% fossile, 21% idroelettrica, 9% eolica e solare, 5% nucleare e 1% geotermica – nel complesso degli impianti.

Riparare il territorio è una disciplina che dovrebbe entrare nella coscienza delle generazioni future e nel quotidiano, dovrebbero i bambini già sperimentare come il loro fare ludico può essere riparatorio già in età precoce, prendendosi cura della natura imparano a prendersi cura di se stessi.

#BiennaleArchitettura2018 #Freespace

alt="BiennaleArchitettura2018"

Australia/Grasslands Repair. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia, FREESPACE
Paola Ricci©Photo

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *